Tu sei qui

Patto Educativo di Corresponsabilità

Versione stampabileVersione PDF

Il Patto Educativo di corresponsabilità   è un contratto sociale tra la scuola, le famiglie e gli studenti, in cui si definiscono principi, regole e comportamenti che ciascuno dei   partecipanti alla vita scolastica si impegna a rispettare per consentire a tutti di operare al meglio per la formazione dei ragazzi.

Istruire e formare i giovani diventa ogni giorno più difficile: valori, conoscenze, regole sono infatti sempre più veicolate da agenzie esterne alla scuola e alla famiglia (internet, mass media, gruppi di adolescenti…) che spesso favoriscono l’acquisizione di disvalori, di comportamenti e di atteggiamenti a-sociali.

Questo Patto è uno strumento che permette alla Scuola e alla famiglia di unire le forze, di definire i rispettivi impegni, di permettere la risoluzione dei conflitti senza delegittimarsi reciprocamente, cosa che sarebbe veramente negativa per dei soggetti in crescita che hanno bisogno, invece, di regole e punti di riferimento sicuri.

Il rispetto di tale Patto costituisce la condizione indispensabile per costruire un rapporto di fiducia reciproca, per potenziare le finalità dell’Offerta Formativa e per guidare gli studenti al successo scolastico.

 

I docenti si impegnano a:

• Realizzare un clima scolastico positivo fondato sul dialogo e sul rispetto;

• Rispettare gli alunni, le famiglie e il personale della scuola;

• Favorire la capacità di iniziativa, di decisione e di assunzione di responsabilità;

• Rispettare, nella dinamica insegnamento/apprendimento, le modalità, i tempi, e i ritmi propri di ciascuna persona intesa nella sua irripetibilità, singolarità e unicità;

• Rispettare la vita culturale e religiosa degli studenti all’interno di un ambiente educativo di apprendimento sereno e partecipativo;

• Promuovere la formazione di una maturità orientativa in grado di porre lo studente nelle condizioni di operare scelte autonome e responsabili;

• Incoraggiare gli studenti ad apprezzare e valorizzare le differenze;

• Favorire un rapporto costruttivo tra scuola e famiglia attraverso un atteggiamento di dialogo e di collaborazione educative al fine di promuovere il pieno sviluppo del soggetto educando;

• Essere puntuali alle lezioni, precisi nelle consegne di programmazioni, verbali e negli adempimenti previsti dalla scuola;

• Essere attenti alla sorveglianza degli studenti in classe e nell’intervallo e a non abbandonare mai la classe senza averne dato avviso ai Fiduciari o a un

Collaboratore scolastico;

• Informare studenti e genitori del proprio intervento educativo e del livello di apprendimento degli studenti;

• Informare gli alunni degli obiettivi educativi e didattici, dei tempi e delle modalità di attuazione;

• Comunicare le valutazioni delle prove scritte, orali e pratiche e pure mantenere aggiornato costantemente il registro personale (argomenti e compiti a casa);

• Esplicitare i criteri per la valutazione delle verifiche orali, scritte e pratiche;

• Effettuare almeno il numero minimo di verifiche in base alle delibere relative del

Collegio Docenti;

• Correggere e consegnare i compiti entro 15 giorni e, comunque, prima della prova successiva;

• Pianificare il proprio lavoro, in modo da prevedere anche attività di recupero e sostegno il più possibile personalizzate.

 

Le studentesse e gli studenti si impegnano a:

• Essere puntuali alle lezioni e frequentarle con regolarità;

• Lasciare l’aula solo se autorizzati dal docente;

• Chiedere di uscire dall’aula solo in caso di necessità ed uno per volta;

• Intervenire durante le lezioni in modo ordinato e pertinente;

• Conoscere l’Offerta Formativa presentata dagli insegnanti;

• Rispettare i compagni, il personale della scuola;

• Rispettare le diversità personali e culturali, la sensibilità altrui;

• Rispettare gli spazi, gli arredi ed i laboratori della scuola;

• Partecipare al lavoro scolastico individuale e/o di gruppo;

• Svolgere regolarmente il lavoro assegnato a scuola e a casa;

• Favorire la comunicazione scuola/famiglia;

• Sottoporsi regolarmente alle verifiche previste dai docenti;

• Presentarsi con puntualità alle lezioni (ore 8:00);

• Non usare mai in classe il cellulare;

• Usare un linguaggio e un abbigliamento consoni all’ambiente educativo in cui si vive e si opera. 

 

I genitori si impegnano a:

• Conoscere l’Offerta formativa della scuola;

• Collaborare al progetto formativo partecipando, con proposte e osservazioni migliorative, a riunioni, assemblee, consigli e colloqui;

• Controllare sul diario le giustificazioni di assenze e ritardi del proprio figlio, contattando anche la scuola per accertamenti;

• Rivolgersi ai docenti, ai coordinatori di classe, ai Fiduciari e al Dirigente Scolastico in presenza di problemi didattici o personali (rispettando la gerarchia scolastica);

• Dare informazioni utili a migliorare la conoscenza degli studenti da parte della scuola;

• Sostenere e controllare i propri figli nel rispetto degli impegni scolastici;

• Essere disponibili ad assicurare la frequenza ai corsi di recupero e di eccellenza;

• Informare la scuola di eventuali problematiche che possono avere ripercussioni nell’andamento scolastico dello studente;

• Vigilare sulla costante frequenza;

• Giustificare tempestivamente le assenze il giorno del rientro;

• Vigilare sulla puntualità di ingresso a scuola;

• Limitare, per quanto possibile, le richieste di uscite anticipate;

• Vietare al/alla proprio/a figlio/a l’uso di cellulari o di altri dispositivi elettronici o audiovisivi durante le attività scolastiche. La violazione di tale disposizione comporterà quanto previsto dal Regolamento di disciplina;

• Intervenire tempestivamente e collaborare con l’ufficio di presidenza e con il

Consiglio di classe nei casi di scarso profitto e/o indisciplina;

• Tenersi costantemente informati sull’andamento didattico e disciplinare dei propri figli nei giorni e nelle ore di ricevimento dei docenti, accedendo con regolarità al registro elettronico;

• Siglare le valutazioni relative alle prove scritte, orali e pratiche;

. Vigilare che il/la proprio/a figlio/a indossi un abbigliamento consono all’ambiente educativo in cui si vive e si opera. 

 

 

Il personale non docente si impegna a:

• Essere puntuale e a svolgere con precisione il lavoro assegnato;

• Conoscere l’Offerta Formativa della scuola e a collaborare a realizzarla, per quanto di competenza;

• Garantire il necessario supporto alle attività didattiche, con puntualità e diligenza;

• Segnalare ai docenti e al Dirigente Scolastico eventuali problemi rilevati;

• Favorire un clima di collaborazione e rispetto tra tutte le componenti presenti e operanti nella scuola (studenti, genitori, docenti).

 

Il Dirigente Scolastico si impegna a:

• Garantire e favorire l’attuazione dell’Offerta Formativa, ponendo studenti, genitori, docenti e personale non docente nella condizione di esprimere al meglio il loro ruolo;

• Garantire a ogni componente scolastica la possibilità di esprimere e valorizzare le proprie potenzialità;

• Garantire e favorire il dialogo, la collaborazione e il rispetto tra le diverse componenti della comunità scolastica;

• Cogliere le esigenze formative degli studenti e della comunità in cui la scuola opera, per ricercare risposte adeguate. 

 

Riferimenti normativi

• - Il D.P.R. n. 249 del 24 giugno 1998 e le modifiche e le integrazioni in seguito al D.P.R. n. 235 del 21 novembre 2007 concernente lo Statuto delle

Studentesse e degli Studenti della scuola secondaria;

• - Il D.M. n. 5843/A3 del 16 ottobre 2006 Linee d’indirizzo sulla cittadinanza democratica e legalità;

• - Il D.M. n. 16 del 5 febbraio 2007 Linee d’indirizzo generali ed azioni a livello nazionale per la prevenzione e il bullismo;

• - Il D.M. n. 30 del 15 marzo 2007 Linee d’indirizzo ed indicazioni in materia di utilizzo di “telefoni cellulari” e di altri dispositivi elettronici durante l’attività didattica, irrogazione di sanzioni disciplinari, dovere di vigilanza e di corresponsabilità dei genitori e dei docenti;

• - Il D.M. n. 104 del 30 novembre 2007 Linee d’indirizzo e chiarimenti interpretativi ed applicativi in ordine alla normativa vigente posta a tutela della privacy con particolare riferimento all’utilizzo di telefoni cellulari o di altri dispositivi elettronici nelle comunità scolastiche allo scopo di acquisire e/o divulgare immagini, filmati o registrazioni vocali;

 

Firme: Coordinatore di Classe, Rappresentanti dei Genitori, Collaboratori Scolastici, Dirigente Scolastico

La scuola a prova di privacy
Scuole che promuovono la salute
Questa scuola partecipa al life skills training
Girls code it better
Next
Logo vaccinazioni
Fai la cosa giusta
 
Istituto Comprensivo di Castellucchio, Dirigenza e Amministrazione: via Roma n. 3/a - 46014 Castellucchio (Mantova) Italia
tel. +39 0376 437 003 mail: mnic82700x@istruzione.it PEC: mnic82700x@pec.istruzione.it
CF: 93034860200 - CM: MNIC82700X - Codice IPA: istsc_mnic82700x - Codice Univoco ufficio: UFIX52
Data Protection Officer: Massimo Zampetti - Privacycert Lombardia S.r.l. - Pass. Don Seghezzi n.2, BG - Tel. 035 413 94 94 - lombardia@privacycert.it - lombardia@pec.privacycert.it

Questo sito aderisce al progetto Porte Aperte sul Web
Based on a work at www.iccastellucchio.edu.it.Istituto Comprensivo di Castellucchio Mantova - Italy

Licenza Creative Commons
I contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons - Attribuzione - Non commerciale - 3.0 Unported.

CMS Drupal ver.7.65 del 20/03/2019 agg.20/03/2019 Istituto Comprensivo di Castellucchio Mantova - Italy
(a cura di Mario Varini) / CC BY-NC-SA 3.0